I suoni della natura rilassano e riducono ansia e stress

di Serena Fugazzi (Num. Giugno 2018)

La maggior parte delle persone percepisce che ascoltare i rumori naturali, come il dolce gorgoglio del ruscello che scorre, il cinguettio degli uccellini, le onde del mare che si infrangono sugli scogli o il fruscio del vento tra gli alberi, genera relax e benessere diffuso.

Recentemente però, i ricercatori del Brighton and Sussex Medical School (BSMS) nel Regno Unito, sono riusciti a dimostrare questo fenomeno anche scientificamente. La ricerca, pubblicata sulla rivista Scientific Reports e condotta da Cassandra Gould van Praag e collaboratori, è la prima a ricorrere a scansioni del cervello e a registrazioni della frequenza cardiaca per studiare gli effetti dei suoni della natura sul corpo e sulla mente.

Nell’esperimento ai partecipanti sono state fatte ascoltare riproduzioni di suoni registrati in ambienti naturali e in contesti artificiali, allo stesso tempo l’attività cerebrale e cardiaca dei soggetti veniva monitorata.

Durante l’ascolto di suoni registrati in un contesto naturale i soggetti hanno mostrato una maggiore attivazione del sistema nervoso parasimpatico (il sistema parasimpatico favorisce il rilassamento, il riposo e la digestione) e una minore attivazione del sistema simpatico (quello che interviene nelle situazioni di emergenza regolando la risposta “combatti o fuggi”).

I risultati dimostrano che le aree cerebrali attive in condizione di riposo cambiano a seconda dei suoni che ascoltiamo in sottofondo. Quando percepiamo i suoni della natura, sono più attive quelle aree del cervello che ci permettono di focalizzare l’attenzione su quel che accade nel mondo esterno.
Quando ascoltiamo i rumori degli ambienti artificiali, invece, si attivano maggiormente quelle aree che ci fanno concentrare l’attenzione su noi stessi, e che sono particolarmente “accese” in caso di ansia, depressione e disturbo post-traumatico da stress.

Gli effetti dei suoni naturali non sono stati uguali per tutti i partecipanti: infatti gli individui che all’inizio dell’esperimento mostravano i segni di elevata ansia e stress sono stati quelli che hanno avuto maggiori vantaggi dall’esporsi ai suoni della natura.

“Abbiamo tutti familiarità con la sensazione di rilassamento e spegnimento che viene da una passeggiata in campagna, e ora abbiamo prove dal cervello e dal corpo che ci aiutano a capire questo effetto”, ha detto la ricercatrice, aggiungendo che spesso ricorre ad app sul cellulare per ascoltare suoni naturali e rilassarsi dal lavoro.

A Montesilvano non avremmo bisogno di app per rilassarci e lasciare andare lo stress quotidiano: basta immergersi nei dolci suoni naturali del nostro mare e delle sue onde che scorrono lente. Peccato che quest’anno abbiano deciso di riattivare i rumori artificiali e metallici della radio in spiaggia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *