Lu Mare – L’angolo della poesia

Lu mare

a cura di Gennaro Passerini

La poetessa Mara Seccia usa con grande maestria la lingua dialettale di cui si serve per descrivere con genuinità ed espressività la vita quotidiana, i sentimenti, gli usi e i costumi della nostra gente d’Abruzzo. Con questo modo di esprimersi, perchè non ci si dimentichi delle radici profonde a cui apparteniamo e della nostra identità, dà voce e risalto alla cultura e alle tradizioni di un mondo che purtroppo va scomparendo. Con gioia e profonda malinconia descrive, nella poesia che oggi vi propongo, un mare una volta meraviglioso oggi ferito dall’inquinamento del progresso e dalla urbanizzazione selvaggia. Letta con sapiente maestria dal prof. Raffaele Simoncini.

Lu Mare

Pe ‘me lu mare
nnì è quelle patinate
di le cartuline ‘llustrate,
nnì è lu mare merricane
ma è quelle nustrane.
E’ lu mare amì e na ggioje
che me mbapisce me fa sintì.
E’ lu vere ca mò nnì è cchiù
limbide e pulite, certe jurne
nin ti ci pù bagnà manche li pite.
Lu mare trasparente
ormaje è nu sogne,
la riviere s’à cimintificate,
la spiagge à state ‘nvase
ma ji lu stesse le ame.
Esse me chiame e mentre
la rena vullente me coce,
de l’acque ascolte la voce
c’arconte ‘na storie
d’antiche memorie…
Na musiche, na barche,
na canzone, nu bagne
a lu chiare di lune,
li corse ‘ntorne a li dune…
M’avvicine alla rive
e me sente vive.
‘Ahuarde lu ciele luntane,
na barche all’orizzonte
sfiore l’onne piane piane
e ci vulesse na penna fatate
pe’ discrive chist’acque d’argente,
nu pinnelle di n’angele pittore
pe’ pittà stu splindore.
Mare, pe’ mmè sì bbelle ancore
picchè t’arvede nghe l’ucchie
di lu core. Lu mare me sente,
nin m’acrede, se lamente,
sbatte contre nu scoje,
spruzze la schiume
mentre sopre all’acque
gallegge ‘na piume.

Può ridursi il mare al godimento effimero di una piscina, di una discoteca o di un bicchiere di birra, bevuto di sera in compagnia, in uno dei tanti stabilimenti balneari che sono diffusi sul lungomare, da Pescara alla riviera di Montesilvano? I giovani risponderebbero di sì, senza alcun dubbio! La poetessa, invece, con alcune toccanti espressioni – lu mare trasparente ormaje è nu sogne, lu petroje le ogne, la riviere s’à cimintificate, la spiagge à state ‘nvase – lascia intendere come siano venuti meno la splendida simbiosi tra uomo e mare e il rispetto e l’amore per uno spettacolo unico e irripetibile, che ha segnato intere generazioni del tempo passato e recente. I suoi versi fanno riemergere, con gioia e malinconia, la visione idilliaca di un mare che si offriva, meraviglioso, a chi sapeva ascoltarne la voce seducente e armoniosa: esse me chiame e mentre la rena vullente me coce, de l’acque ascolte la voce ch’arconte ‘na storie d’antica memorie….Na musiche, na barche, na canzone, nu bagne a lu chiare di lune, li corse ‘ntorne a li dune.. Ebbene, la memoria, il supplizio di Tantalo e, ad un tempo, l’estasi di ogni essere umano, non fa scomparire dalla mente e non fa svanire nel nulla sentimenti profondi e sensazioni leggere e solleticanti: Mare, pe’ mmè si bbelle ancore picchè t’arvede nghe l’ucchie di lu core. Il mare sa rispondere a questi echi tristi e lontani: lu mare me sente, nin m’acrede, se lamente… esso soffre, se sopre all’acque gallegge ‘na piume, mentre la poetessa sembra coccolarlo e consolarlo, gridando a squarciagola, con orgoglio ferito: è lu mare ami e na ggioe che mbapisce!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *