Iniziato il percorso della fusione

Iniziato il percorso della fusione

di Associazione Nuova Pescara

Si registra un tangibile passo avanti nel percorso di fusione di Montesilvano, Spoltore e Pescara. Ci sarà, finalmente, l’Assemblea costitutiva di Nuova Pescara, con all’ordine del giorno l’aggiornamento della composizione della Commissione per la predisposizione dell’indispensabile Progetto dello Statuto e l’aggiornamento dello stato di attuazione del processo per l’istituzione del comune di Nuova Pescara, cosi come da referendum del 2014 e da Legge Regionale del 2018. L’assemblea del 19 settembre, che si terrà nella sala consiliare del Comune di Pescara, vedrà convocati, oltre ai sindaci Masci (Pescara), Di Lorito (Spoltore) e De Martinis (Montesilvano), tutti i consiglieri comunali dei tre comuni. Va precisato che la Commissione per la predisposizione del progetto dello Statuto provvisorio del Comune di nuova istituzione è partecipata, sulla base di quanto stabilito dall’articolo 3 della Legge regionale 26/2018, dai capigruppo consiliari dei tre comuni.

Non sarà un lavoro semplice quello che dovrà fare la Commissione Statuto nei prossimi mesi. Del resto, il ritardo nell’avvio dei lavori è notevole e va recuperato. Sarà necessario redigere un documento nuovo – come è nuova l’iniziativa della quale stiamo discutendo – capace di fornire risposte puntuali ed efficaci alle perplessità che arrivano da alcune forze politiche di Montesilvano e Spoltore, ma che proprio nello Statuto potranno trovare risposte adeguate.

Se da una parte sta finalmente iniziando il lavoro della Commissione Statuto, dall’altra ci sono le preoccupazioni per il corposo e complesso lavoro da fare: il legislatore regionale ha previsto che debba essere avviato, per anticipare i tempi della fusione, l’esercizio in forma associata di alcune funzioni amministrative. L’articolo 4 della legge prevede, ad esempio, che Montesilvano, Spoltore e Pescara diano seguito all’avvio di una gestione associata delle funzioni di pianificazione territoriale e urbanistica, trasporto pubblico locale, promozione turistica, servizi e politiche sociali, servizi scolastici e via dicendo. Funzioni che, si badi bene, finora non sono state messe in comune proprio a causa della frammentazione politico-amministrativa e dei relativi interessi. In pratica, tutti hanno pensato a coltivare il proprio orticello mettendo in secondo piano le necessità di un territorio omogeneo e che, conti alla mano, supera i 190mila abitanti collocandosi di diritto nella top twenty delle città italiane.

Si tratta di obiettivi difficili da realizzare, anche perché non sembra che le strutture burocratiche dei tre comuni abbiano iniziato in concreto a istituire tavoli tematici per ragionare sulle modalità attraverso le quali associare queste funzioni, che sono determinanti per la qualità della vita dei cittadini. Facciamo un esempio tra i tanti: la difficoltà che si incontra a spostarsi con i mezzi pubblici su un territorio, quello ora frammentato di Pescara, Montesilvano e Spoltore, che non ha certo distanze siderali. Tale difficoltà genera un costante ricorso ai mezzi privati, con conseguente aumento del traffico e dell’inquinamento.

Quello che è certo è che ormai il percorso di fusione è iniziato e inevitabilmente produrrà delle accelerazioni, tenuto conto delle ormai ristrette forbici temporali offerte dalla Legge Regionale, in base alla quale – vale la pena di ricordarlo – entro il 31 marzo 2021 l’Assemblea dovrà presentare la propria relazione conclusiva sul processo di fusione, grazie al quale il 1°gennaio 2022 prenderà vita la nuova città. Esiste un’altra data, chiamiamola di riserva, ed è quella del 1°gennaio 2024. In ogni caso, il tempo delle chiacchiere è scaduto e deve lasciar spazio al tempo dei fatti concreti. Nuova Pescara è la più grande fusione di comuni della storia d’Italia e viene osservata con particolare attenzione. Il nostro modello di città ha suscitato interesse nella capitale, come in Liguria e nel Lazio.

Associazione Nuova Pescara, Lungomare Papa Giovanni XXIII, 65129 Pescara, C.F. 91150140688

Soci fondatori: Arco Consumatori , Ascom Abruzzo, Camera di Commercio Chieti Pescara, Casartigiani Abruzzo, Cia Chieti Pescara, Cna Pescara, Codacons Abruzzo, Comitato Pescara Montesilvano Spoltore, Confartigianato Pescara, Confcommercio Pescara, Confesercenti Pescara, Confindustria Chieti Pescara, Consulta Clinica Osp. Di II livello, Federmanager Abruzzo e Molise, Fondazione Pescarabruzzo, Sale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *