Comitato cittadino Montesilvano sud: “Chi fa da sé non fa per te”

I cittadini del quartiere che insiste su via Gianni Marrone da tempo si prendono cura degli spazi pubblici del proprio quartiere tanto da sostituirsi nella pulizia delle aiuole e della zona dove sono posizionati i contenitori dei rifiuti a chi è deputato ad effettuarla. Le foto mostrano una delle ultime attività svolte. Volentieri pubblichiamo una riflessione di uno degli animatori del Comitato.

di Oriano Notarandrea (Num. Maggio 2019)

 

Sistemare le aiuole dei parchi pubblici, pulire i muri dalle scritte, riparare i cassonetti rotti e in generale prendersi cura degli spazi comuni è diventata negli ultimi anni una forma molto sentita di impegno civico. Ma è compatibile con la nostra aggrovigliata burocrazia e con un sistema di governo che pretende di badare a tutto quello che ci circonda? Esiste molta nobiltà d’intenti in questo attivismo e c’è un positivo messaggio di partecipazione e educazione civica.

In un sistema in cui le amministrazioni pubbliche devono provvedere a tutto, qualsiasi iniziativa spontanea rischia di essere abusiva. Ne sa qualcosa il sindaco del comune palermitano di Polizzi, che a sue spese ha sistemato e riaperto una strada chiusa da ben 13 anni. Dopo aver inutilmente sollecitato la città metropolitana persino con atti dimostrativi come trasferire l’ufficio in quella stessa strada, sotto una tenda, e incatenarsi all’ingresso del municipio per richiamare l’attenzione del sindaco della città di Palermo, il primo cittadino ha deciso, con indubbio senso civico e con ancor più senso pratico, di provvedere da sé. La strada è stata finalmente riparata senza spese per i contribuenti, ma con il lavoro prestato gratuitamente da alcune ditte che hanno risposto, con altrettanto spirito di solidarietà, alla richiesta di aiuto del primo cittadino. La città di Palermo, per tutta risposta, ha esposto una denuncia: a quanto si apprende, la sistemazione provvisoria della strada non avrebbe eliminato le condizioni di pericolo di frana e aver rimosso la relativa segnaletica di pericolo ha generato l’allerta delle autorità.

Chi si rimbocca le maniche va ammirato, siano i cittadini impegnati nel retake urbano quando i servizi comunali sono latenti, o sindaci stanchi di dover aspettare i tempi e le incuranze della Pubblica Amministrazione che tutto dovrebbe e poco fa. Ma all’inadempimento della PA non può corrispondere l’entusiastica voglia di fare dei cittadini o la loro esasperazione. Non almeno finché la burocrazia non ammetta una volta per tutte di non saper e non poter fare ciò che spergiura sta a lei e a lei solo adempiere.

In un sistema in cui amministrazione e governi, compresi quelli locali, hanno per statuto l’obbligo di provvedere, qualsiasi altra iniziativa spontanea rischia di essere abusiva. Se qualcosa dovesse andare storto, se il ramo mal potato da un solerte cittadino dovesse cadere, se la strada volontariamente sistemata dovesse franare, la responsabilità continuerebbe ad essere in capo a chi avrebbe dovuto intervenire e non l’ha fatto. La denuncia delle autorità siciliane, in questo senso, è una strategia difensiva comprensibile, per quanto spiacevole nel mortificare una bella iniziativa.

Per valorizzare il senso civico delle persone non basta che la pubblica amministrazione sia indolente e incurante. Occorre che oltre a mostrare i suoi limiti li riconosca e, ammettendoli, accetti di fare un passo indietro.

Come afferma Humberto Maturana: “non sono i tiranni a creare gli oppressi, ma viceversa”. Il nostro un paese di vittime con una “politica assistenzialistica soprattutto di sinistra”. Prima di proporre qualsivoglia iniziativa bisognerebbe ristabilire il dovuto dialogo – educativo- tra cittadini e istituzioni, ma i componenti delle stesse presi dall’esaltazione personale identificati con un potere che non hanno si rivestono da GRANDI UOMINI e si propongono prima delle elezioni con grandiosi PROMESSE che puntualmente si sgonfiato in itinere, Il loro dialogo è di consuetudine un FALLIMENTO sempre pronto a:

  • puntualizzare cose senza nessun coinvolgimento e responsabilità dei cittadini;
  • recriminare verso altri partiti, colpevolizzare tirando in ballo fatti inconsistenti senza alcun progetto partecipato;
  • rinfacciare (di nuovo sono la vittima), ed esagerare la relazione;
  • predicare usando un linguaggio da sermone morale e religioso;
  • io lo sapevo e l’avevo detto! L’intervenire sempre DOPO;
  • lo faccio solo per te (esclusiva). Fa sentire falsamente al centro un cittadino generando clientelismo e disgregazione (dividi et impera);
  • facciamo tutto noi. Squalificare il cittadino, passivizzarlo facendo apparire il nostro come una referente cortesia.

Da semplice cittadino ricordo ai miei concittadini e ai futuri amministratori che il CITTADINO HA UNA ONOREVOLE DIGNITÀ e che non è manipolabile.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *