‘Nu Natale diverse’ di Mara Seccia | L’angolo della poesia

L’angolo della poesia a cura di Gennaro Passerini

In questo numero di dicembre vi propongo anche una poesia della poetessa pescarese Mara Seccia che con grande maestria usa la lingua dialettale la cui espressività e genuinità rendono molto belle e vive le descrizioni che lei fa delle consuetudini di vita quotidiana, di situazioni, di sentimenti e fin’anche della arguta filosofia popolare della nostra gente d’Abruzzo. Con questo suo modo di esprimersi la sig.ra Seccia che nella vita ha svolto la professione di insegnante, dà voce ad un mondo che si va perdendo e l’uso del dialetto è per lei un mezzo per continuare a mantenere un’identità storica ed una tradizione culturale che nel nostro Abruzzo ha radici profonde. La poetessa nonché scrittrice Mara Seccia ha pubblicato moltissimi libri e ricevuto numerosi riconoscimenti e premi per la narrativa e la poesia in lingua e in vernacolo sia nella sua regione, sia in campo nazionale. Questa poesia è solo una anticipazione di altre che vi faremo leggere ed apprezzare nei prossimi numeri.

Nu Natale diverse’

Chist’anne sogne’nu Natale diverse,

alasce l’albere di plastiche, li pallucce culurate,

Babbe Natale e tutte li ‘miricanate su a la suffitte

e arpije la scattele di li mammuccitte.

Picchè di isse m’avè scurdate?

Picchè ecche sopre l’avè landate?

Mi treme ‘m-po’ li mane mentre, piane piane,

cacce San Giuseppe che n’artè lu bastone,

Marie nghe lu vele azzurre ‘nu ccune scorticate

e lu Banbine nche ‘na faccitella spajsate.

Chist’anne ji sogne ‘nu prisepie….

Tutte regolare, li casette ‘n cime a la Majelle,

li pasture jappeca jappeca nghe li picurelle,

la strade ‘nfarinate, li stelle pittate,

li cuntadine, l’artigiane, li puvirille

e li Re Mage appresse a la comete che brille.

E sogne ‘nu foche appicciate

c’ascallesse ‘stu monne ‘ntere

e la fiamme sajesse fine a lu ciele!

E “Ogge n’à successe ninte di brutte,

augure a tutte, buon Natale!”

ci dicesse lu telegiornale.

Chiude l’ucchie.

Gisù sì ‘rrivate. ‘N gi-avè cchiù spirate.

Pace, silenzie, ogne rimore s’à spente.

Pare ca lu traffiche ‘mpazzite à scumparite,

la frinate di l’autobbusse s’à ‘ttutite,

li muturine ànne sciupirate

e l’aereoplane ogge n’à vulate.

Gisù, sinte? Sone li campane.

N ti scuraggià, dacce ‘na mane.

Sempre ci sta chi t’aspette, chi ti porte ‘m-pette.

Pace, fratellanza, amore, nù ci-acrideme ancore.

Chist’anne jì tinghe ‘nu prisepie ‘n core.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *