Perché andare dal dentista in gravidanza?

Perché andare dal dentista in gravidanza?

del Dr Fabio Ciuffolo Odontoiatra – Dottore di Ricerca – Specialista in Ortodonzia

La gravidanza, come sappiamo, è uno dei periodi più emozionanti per la donna ma anche il periodo più delicato in cui si deve porre particolare interesse alla propria salute ed a quella del nascituro.

Credenze e realtà

In passato si riteneva che le donne in gravidanza non dovessero andare dal dentista perché le cure odontoiatriche potevano costituire un pericolo.

La gravidanza è caratterizzata da cambiamenti ormonali che possono avere un forte impatto biologico su tutto l’organismo compreso il cavo orale. Numerosi studi scientifici hanno dimostrato la stretta relazione tra patologie orali ed esiti avversi alla gravidanza quali: parto prematuro o sottopeso, ritardo di crescita del feto e preeclampsia. Quindi è fondamentale mantenere in buona salute il cavo orale, sia per garantire un buon esito della gravidanza che per promuovere la salute del neonato.

Oggi vorrei informarvi su alcuni di questi cambiamenti fisiologici che interessano anche la bocca e sfatare qualche mito.

La futura mamma dal dentista

La carie

Il detto “ogni gravidanza un dente”, ovvero che si perde un dente ogni bambino: la credenza che la carie dentale sia dovuta ad una perdita di calcio dei denti a favore dello scheletro del bambino è assolutamente falsa.

E quindi perché le donne in gravidanza possono soffrire di carie?

La causa è da ricercare nella variazione delle abitudini alimentari in particolare legata all’aumentata assunzione di zuccheri (si mangia più volte al giorno, spesso dolci per le varie voglie), e inoltre alle maggiori concentrazioni di acidi nella saliva in caso di vomito.

Se la frequenza del vomito è elevata per un periodo di tempo prolungato può essere utile per esempio sciacquare la bocca con una tazzina d’acqua e un cucchiaino di bicarbonato di sodio per ripristinare il giusto ph orale, e scegliere dentifrici e collutori fluorati per rinforzare i denti.

La gengivite gravidica

Un altro aspetto importante è la gengivite gravidica, che si manifesta precocemente con arrossamento, aumento di volume delle gengive e sanguinamento, è reversibile se si mantiene una corretta igiene ogni volta che mangiamo.

Inoltre, la persistenza della gengivite e questi cambiamenti ormonali possono anche favorire la parodontite (comunemente chiamata piorrea) che fa aumentare il rischio di nascita di bambini prematuri e sottopeso.

Quando andare dal dentista

Tutto questo per dirvi che:

è importante controllare la propria bocca dai primi mesi della gravidanza

il periodo più idoneo invece per eseguire le cure è il secondo trimestre, momento in cui l’organogenesi del feto si è completata.

Le linee guida del ministero della sanità ci dicono che la gestante dovrebbe sottoporsi ad una visita di controllo odontoiatrico da subito, appena scopre della gravidanza e che dovrebbe effettuare almeno 2/3 sedute di igiene durante tale lasso di tempo proprio per prevenire i problemi di cui abbiamo parlato in questo articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *