Musica/pubblicità sgradevoli

  1. Musica/pubblicità sgradevoli

ricevuta via mail dal Arnaldo Rosa

Stimato Direttore!

seguo fedelmente il Suo mensile IL SORPASSO sin dai primi numeri, lo apprezzo moltissimo sia per la sua elegante veste tipografica, che per i sempre più interessanti argomenti trattati.

Ebbene, giorni addietro, nella simpatica rubrica FRECHETE NEWS del N° 6, una notizia che sul momento mi ha allarmato ma poi ho pensato si trattasse di un scherzo e non mi sono preoccupato più di tanto…

Purtroppo stamani, invece, ho avuto conferma che non si trattava di nessuno scherzo. Lungo tutto il marciapiede antistante gli stabilimenti balneari e spiagge libere sul Viale Aldo Moro di Montesilvano, su ogni palo della pubblica illuminazione, ad intervallo di due o tre, si stanno installando ALTOPARLANTI preposti evidentemente a diffondere musica assordante intervallata da pubblicità ugualmente come accaduto alcuni anni addietro quando, dopo una stagione balneare resa allucinante da una similare iniziativa, appunto, dietro reiterate e furiose proteste degli sfortunati turisti e residenti, fu finalmente sospeso questo “servizio” assolutamente sgradito e non richiesto dalla maggioranza degli ospiti sotto gli ombrelloni.

E ADESSO CI RISIAMO! E con un numero maggiore di altoparlanti. Ma, dico, scherziamo? Possibile che CHI HA AUTORIZZATO CERTE INSTALLAZIONI non si renda conto del danno che causerà al già risicato turismo di Montesilvano con certe cervellotiche iniziative?

Chi sceglie di trascorrere le sempre agognate ferie sotto un ombrellone spera di poter finalmente godere di un meritato e PAGATO periodo di riposo e recuperare forze e buon umore leggendo un buon libro, schiacciando un sonnellino cullato dalla piacevole brezza marina o conversando con amicizie e parenti; invece no, ecco che si viene martellati da musica e pubblicità non richieste, ad altissimo volume che, oltre ad impedire un meritato riposo, impediscono persino una piacevole conversazione. E poi ci si lamenta del calo del turismo, la fuga verso altri lidi (è il caso di dirlo) di visitatori italiani e stranieri e di conseguenza il “BYE BYE Montesilvano con la tua musica Death Metal, a non più rivederci!”

Grazie per l’attenzione, Signor Direttore!

 

La risposta del direttore

Signor Rosa,

innanzitutto la ringrazio perché ci segue da tempo e per i lusinghieri apprezzamenti. Nello scorso numero la psicologa Serena Fugazzi aveva già affrontato il tema del disturbo derivante dalla radio imposta ai bagnanti. Dalla sua appassionata nota comprendo il tema è oggettivamente sentito e caldo. Provo a completare il quadro della situazione a seguito degli interrogativi da lei espressi. Di seguito il comunicato stampa a nome dell’assessore De Vincentiis del 18 giugno 2018:

Nel 1971 Montesilvano ha precorso i tempi, inaugurando il primo impianto nella storia della filodiffusione italiana, 7 anni prima della città di Rimini. Con Radio Mare, infatti, venivano date ai bagnanti e ai turisti notizie di pubblica utilità. Questo servizio si è interrotto 4 anni fa, a causa del mancato funzionamento dell’impianto. Ora nell’ambito del progetto di sostituzione di tutti i punti luce del territorio con le lampade a led intendiamo installare un nuovo impianto e ripristinare così questo efficiente servizio. Nell’ultimo anno di funzionamento, Radio Mare ha contribuito al ritrovamento di 36 bambini che si erano smarriti. Il servizio, infatti, consente di fornire informazioni utili di questo genere, sulle condizioni meteorologiche e del mare, nonché di promozione del territorio adatta alla tipologia di turismo familiare che connota la nostra città.

Dall’atto dirigenziale del settore patrimonio, attività tecnologiche e protezione civile, n.1641 del 20 luglio 2018, avente ad oggetto la convenzione Consip servizio luce 3 – lotto 5- lavori extra canone relativi alla realizzazione dell’impianto di diffusione sonora di via Aldo Moro, si apprende che il progetto per la realizzazione dell’impianto di diffusione sonora realizzato dalla ditta Conversion & Lighting srl, è stato approvato per la somma di 43.143,58 + IVA (52.637,17 € da saldare in 9 rate annuali di 5.848,57 € a partire dal 31.12.18).

Successivamente al termine lavori verrà eseguita la procedura di affidamento del servizio di informazione. Forse la stagione 2018 non vedrà la partenza del servizio di informazione.

Al netto dell’oggettivo disturbo della quiete dei bagnanti avrei due quesiti da porre agli amministratori:

  1. Nella scala delle priorità per gli investimenti di supporto al turismo quali investimenti sono stati valutati meno importanti del presente e non sono stati finanziati?
  2. Alla luce del ritrovamento di 36 bambini nell’ultima stagione di funzionamento di radio mare, negli ultimi quattro anni quanti sono stati i bambini non ritrovati?

 

Sperando di aver risposto ai suoi quesiti, la saluto. A presto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *