Vi vuije lassè ‘nu ricurde – Lu Bambinelle

L’angolo della poesia a cura di Gennaro Passerini

In questo numero pre-natalizio dedico la rubrica alla poesia dialettale di Emidio Mazzocchetti perché, in un’epoca di grande confusione e disorientamento, ci regala uno spaccato di un mondo i cui umori e la ricchezza di sentimenti, che non devono essere dispersi, ci trasmettono serenità e la calda ed avvolgente rassicurazione di essere in famiglia , con gli amici più cari, partecipi ed orgogliosi di una comunità ricca di tradizioni, di cultura e di senso di appartenenza. L’amico Mimì ci regala, in occasione delle feste natalizie, un piccolo spaccato di vita ma contemporaneamente grande perché pieno di sentimenti veri e rassicuranti, di abitudini tradizionali delle festività natalizie delle famiglie abruzzesi, che, purtroppo, va scomparendo, in questo mondo giovane alla ricerca di emozioni nuove, trasgressive ed esasperate, fatte di ammucchiate dissocianti, chiassose, impersonali.

Dalla raccolta “ Vi vuije lassè ‘nu ricurde”

Lu Bambinelle

Puri uanne lu Natale

ha ‘arrivite a lu capischele

anghe si jè n’già cridaje

pi’ stà guerre chi ci staje

mendre invece sul più bèlle

ha ‘ndrè nete lu Bambinelle,

con silenzie e devozione

ha ‘bbijte la prucissione.

Li pirsone tutti in file

pi’ purtarije li righile:

chi l’agnille, chi lu gallinacce

e perfine lu sanguinacce.

S. Giuseppe vicchiarelle

accarizzaie lu Bambinelle,

la Madonne jà guardaje

e ‘nu surrese je mannaje.

Mendre tutti chi divuzione

si faciaje la cumminijone

ha ‘rriviti ‘nu messagge,

a l’ha purtete li Re Magge:

La guerre ha finete,

lu Bambinelle ci ‘ha pinzete”.

Allore tutti quindi ‘nginucchijte

lu Bambene ha ‘rngrazijte,

mo’ la guerre nnì vulame chiù

pi’ l’amore di Gisù.

L’anni chi si ni vè. 2003

Ci’avame argunète puri uanne

pi’ fistiggè lu Capudanne.

Certe l’eure si fè sindè

e tande cose ‘nzi po’ fè;

massère ci ni iame da Margarete

chi ci ‘avame magnete pi’ ‘na vète.

Ho notato Sergio Rosa

chi ‘nna’ha minute chi la spose,

a s’ha purtete Gabrielle

chi almene è la chiù belle,

mendre invece lu prufissore

ha ‘rrivite col suo amore.

Terese, in quattre e quattrotte,

ha minute chi Bertinotte

e Mimì pi’ cumbagnije

a sha purtete la Tubbije.

Massere “Noialtri”, chi same bille,

li fistiggiame chi li taiarille,

mbò brudose e ‘mbò asciutte

l’issinziele chi ci li magname tutte.

Ci stè pure lu polle d’allivamende

piccà quesse passe lu cummende

chi ‘mbò di ‘nzalete arnasciticce

chi lu prisutte e li sacicce.

Ma appene finisce lu spere

ci tracanname la mulinère

e pi ‘stè ‘nu poche chiù tranquille

ci fricame li caciune e li turcinille.

Dope pi’ fistiggè ‘sta gète di campagne

ci bivame pure lu sciambagne.

Hai capito,Professore?

Ecche si magne a tutte l’ore;

è inutile chi pinze a chilla ‘mmascete

piccà l’uccellino si n’ha vulete

e si vu’ fè ‘na bella cose

mannile a la chese di ripose;

e t’assicure chi ci li pu’ purtè

piccà ci truve pure quella mè

e, pi’ quande ni sacce iè,

lle troppe ci ni stè.

Sole ‘nu miraquile ti po’ salvè

si ‘nnò quesse nin z’arfè.

Gianni, si chi ti vuie dèce?

La miticene ninn’è cose,

è mije la chese di ripose,

cuscè esse si po’ ‘rpusè

e nù ‘ngi putame chiù ngazze”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *